MOLESKINE… il taccuino dei Grandi Artisti

02-moleskine

Prima di questa sera non sapevo cosa fosse, poi l’ho ricevuta in regalo, con la seguente dedica: “un taccuino per disegnare, raccontare e scrivere le tue emozioni. Prima di te lo abbiamo fatto noi… Oscar Wilde, Vincent Van Gogh, Ernest Hemingway, Pablo Picasso, Bruce Chatwin..”. Mi è stata infatti regalata in vista del “viaggiodellamiavitainaustralia”, per poter fermare le mie sensazioni nero su bianco..”bella idea” ho pensato.. ma perchè non regalarmi un semplice taccuino qualunque?? perchè sottolinearmi il fatto di avere tra le mani una Moleskine ?? ..non ne capivo il valore, perchè ignoravo..
..e così, una volta a casa, mossa dalla curiosità, ho voluto approfondire il discorso !
Ho infatti scoperto che questi taccuini dal nome bizzarro, sono prodotte proprio in Italia, a Milano per l’esattezza, e vantano una storia centenaria !!
Innanzitutto, sappiamo di essere di fronte ad una vera Moleskine se il taccuino è caratterizzato da una copertina rigida o morbida di cartone rivestito, carta color avorio, pagine rilegate a punto refe, angoli arrotondati, nastro segnalibro, elastico di chiusura e tasca interna a soffietto.

Taccuini con le stesse caratteristiche degli attuali taccuini Moleskine erano già diffusi in Europa tra la fine del XIX secolo e l’inizio del XX secolo grazie al lavoro artigianale di una legatoria francese che riforniva le cartolerie di Parigi. Come documentano numerose collezioni d’arte e musei, questi anonimi taccuini erano molto usati dagli artisti delle avanguardie storiche in cerca di strumenti agili su cui dipingere e scrivere mentre si trovavano nelle strade, nei caffè, in viaggio.
Il taccuino Moleskine è stato espressamente disegnato sul modello dei taccuini che Bruce Chatwin portava con sé nei suoi viaggi; tanto che poi il nome “Moleskine” compare nell’opera “Le vie dei canti” (1986), in cui Chatwin, appunto, racconta la storia del suo fornitore di taccuini.
Nel 1997 la Modo & Modo Spa, una piccola società con sede a Milano, decide di riportare in vita questo tipo di taccuino, registra il marchio Moleskine e manda in produzione 5.000 pezzi. Nel 1999 Modo & Modo Spa inizia a distribuire anche in Europa e oltreoceano, in particolare negli Stati Uniti e in Giappone. Nell’agosto 2006, il fondo di investimento francese Société Générale Capital acquista Modo & Modo Spa per investire sulla sua espansione. Il nome della società si trasforma in “Moleskine Srl”. Nell’aprile 2013 è stato quotato in Borsa il 50,17% del capitale. Secondo un articolo della rivista tedesca Brand Eins, i taccuini Moleskine sono attualmente distribuiti in 53 paesi. Il numero è in continua crescita.

I taccuini Moleskine sono disegnati in Italia e stampati, assemblati e cuciti per lo più in Cina (e ciò ha generato delle critiche da parte dei fan, dove l’azienda si è difesa dichiarando che la Cina è stata scelta per la qualità e la tradizione della loro industria cartaria, che riesce a combinare produzione industriale e artigianale), ma anche in Italia, Francia, Turchia e altri paesi. La produzione è frutto di una combinazione di lavoro artigianale a mano e lavoro industriale automatizzato. La carta è realizzata senza l’utilizzo di cloro. La carta della collezione “Folio” è certificata dal Forest Stewardship Council. Moleskine Srl afferma di investire ingenti risorse nella ricerca di sempre nuovi potenziali fornitori, secondo criteri di qualità, prezzo, logistica ed equità. Ogni componente ha un numero di controllo della qualità collegato a uno specifico lotto di produzione.

Moleskine è un marchio sostenuto da diverse comunità di appassionati che scrivono, disegnano, dipingono sui taccuini e spesso condividono immagini delle loro creazioni attraverso blog, siti web, gruppi on line, social network e galleries.
Ora sono consapevole di cosa significhi ricevere una Moleskine; significa avere la possibilità di appartenere ad un mondo di elite, significa sentirsi parte di una cerchia di grandi artisti, significa mantenere una tradizione, un modo di scrivere “alla vecchia maniera”.

Non mi resta che iniziare a scarabbocchiare la mia Moleskine.

Annunci

7 pensieri su “MOLESKINE… il taccuino dei Grandi Artisti

  1. sara ha detto:

    Non conoscevo la storia della Moleskine…eppure l’ho usata tante volte…mi fu regalata come agenda classica circa 4 anni fa da un amico…direi che l’amore è stato “a prima vista”…poi sono passata al fantastico “Diario di viaggio” per un lungo viaggio nell’America…poi si è trasformata in dipendenza 🙂 ahaha!!! Ora l’agenda ogni anno è moleskine (dal piccolo principe a snoopy) e come te, Michi, anche io ho raccontato la mia esperienza Brussellese su una Moleskine…viola!!! Goditela…e scrivi…disegnare…scarabocchia…attacca!!! Fai di lei quello che vuoi!!! Good Luck Darling!

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...