DO YOU SPEAK VEGAN?

Ultimamente, la parola VEGANO è a dir poco inflazionata.. anche McDonald si è adeguato con la sua recentissima creazione chiamata McVeggie (http://www.mcdonalds.it/products/panini/mcveggier), ma non fatevi ingannare, sempre di McDonald parliano, e sempre di panini dalle 700 calorie in su si tratta! Comunque dicevo, tutti vegani, o meglio, come dicono i Negrita, tutti “cannibali travestiti da vegani”, si perchè essere veramente, e sottolineo veramente vegani, è un’altra storia! All’inizio poteva sembrare l’evoluzione del vegetarianismo, in realtà il veganismo è una filosofia che si basa sul rifiuto di ogni forma di sfruttamento degli animali, ma anche in una visione non-violenta della vita, che porta il vegano appunto a seguire una serie di norme che influenzano le sue scelte quotidiane in molti aspetti, dal cibo, all’acquisto di certi prodotti cosmetici anzichè altri, ecc; il vegetariano invece è semplicemente colui che nella sua dieta esclude carni di qualsiasi animale. pizap.com13592799795391 Fatta questa distinzione, e partendo dal presupposto che non riuscirei mai a convertirmi al veganismo o qualsiasi altra cultura/filosofia alimentare (e non solo) al 100%, scrivo comunque questo articolo perchè mi è capitato, diciamo, di avvicinarmi a uno stile alimentare più sano, dapprima con il macrobiotico, poi partecipando a qualche cena nei vari ristoranti vegani che stanno spuntando numerosi come funghi, e infine iniziando a comprare al supermercato alcuni prodotti da tenere a casa, come il tofu, gli hamburger di soia, nonché il latte di riso, i biscotti senza glutine, la pasta di mais e riso, ma anche stando attenta a scegliere una crema piuttosto che un’altra, analizzando l’etichetta. reparto-vegan-coop Al giorno d’oggi avere un occhio di riguardo in più verso il nostro corpo/salute è importante, visto che fin’adesso siamo cresciuti con carne “bombata” di ormoni (che solo a me non ha fatto crescere le “tette”!), o ci siamo lavati e incremati con prodotti contenenti parabeni, altamente cancerogeni, curati con medicinali che ci distruggono lo stomaco, ecc.. insomma una serie di cose che spiegano l’aumentare dei casi tumorali degli ultimi tempi! Concetti ancora non da tutti compresi; mia nonna ad esempio pensa che lo faccio per dimagrire, e mi risponde, prendendomi in giro, che anche ai tempi suoi erano vegani, perchè non c’era da mangiare!! ..comunque io vegana non sono e non lo sarò mai, però un pelo più cosciente e coscienziosa di prima quello si. La mia città è risultata sensibile all’argomento data la notevole offerta di prodotti rintracciabili nei vari supermercati, o l’apertura di negozi dedicati interamente al biologico; anche gli “eventi vegani” ormai non si contano più, come i ristoranti bio vegan che sembrano essere il bussiness dell’anno, bussiness pur sempre etico ci mancherebbe eh eh 😛 Se siete in giro per Pesaro e volete provare a mangiare più salutare o acquistare prodotti bio-vegan posso consigliarvi questi posti: – Chiccoteca, ristorante, pizzeria e negozio, che organizza corsi e attività, ma anche consulenze e trattamenti, con la possibilità di acquisto prodotti on-line (http://www.chiccoteca.it/) – Un punto macrobiotico (occorre tesserarsi), ristorante con angolo espositivo per l’acquisto di prodotti vari; – Veggy day, un franchising di recentissima apertura (http://www.veggydays.it/pesaro/); – Bottega Bio, ( http://www.bottega-bio.com/) ricco di eventi e cene a tema; ha inoltre da poco inaugurato anche Bottega Beach (http://www.bottegabeach.it/), il primo stabilimento balneare bio-vegan in Italia; – Gelateria “puro e bio” (http://gelatieri-indipendenti.com/puro-e-bio); – Bio vegan shop (http://www.bioveganshop.it/) con possibilità di acquisto on-line; – Bio center (http://www.ecor.it/it/dove-ci-trovi/pesaro-e-urbino/pesaro/bio-center/0004775). Ammetto che questi sapori vegani non mi dispiaciono e la scelta aumenta ogni giorno; mangiare sano poi ti fa quasi apprezzare di più quella volta che decidi di sgarrare! Si lo sgarro ci deve assolutamente essere, perchè altrimenti, per quello che mi riguarda, mi stresserebbe troppo non potermi concedere una bella bistecca, o un dolce al mascarpone o un piatto di pasta col sugo soffritto.. perchè comunque sono fermamente convinta che il nostro corpo ha bisogno ogni tanto anche di essere un pò intossicato, per farlo reagire, per stimolare la produzione di difese immunitarie, e per avere quell’appagamento che solo una patatina fritta con ketchuo e mayo ti sa dare.. hqdefault E poi, se guardo tutta questa “faccenda” con l’occhio della teoria dei complotti (madonna ma quanti occhi dobbiamo tenere al giorno d’oggi?!), potrebbe essere l’ennesima trovata per rimbecillire la gente e fargli spendere di più.. perchè diciamocelo, “sti” prodotti non sono proprio economici.. sono andata a fare la spesa l’altra volta e ho pagato 60 euro per una misera sporta!.. con la crisi che incombe non si può certo pensare ogni volta di fare la spesa vegana..perchè a quel punto diventerei “veganoressica”!!! Vegani Voi cosa ne pensate a riguardo dei vegani, veganismo e quanto altro? E’ davvero possibile una vita senza “porcherie”??? post_event ..è come  dire “che mondo sarebbe senza nutella” ?!?! https://youtu.be/PNfne7I-nEc

Annunci

Sotto il sole della Toscana.. Cortona e contorni!

I ponti e/o i fine settimana di primavera sono l’ideale per staccare la spina e andare a visitare uno o più posti vicino alla propria città; io che sono marchigiana, o meglio marchignola, in 2/3 ore posso arrivare dai nostri famosi cugini toscani. Per questo il lungo week end del primo maggio mi sono concessa un piccolo Tuscany tour all’insegna delle risate, del relax e delle mangiate/bevute, ed insieme ad Annalisa ed Andrea ho formato una fantastica triade di comicità!

11174977_10205990878226743_7352329375847285676_n

Parola d’ordine SCAPPOTTARE.. viaggiando tranquillamente, attraversando Marche Umbria e Toscana, lasciandosi cullare dalle curve delle strada di campagna, facendosi accarezzare dalla brezza tra i capelli, e ammirando le verdi colline circostanti; e come dei piccoli Cristoforo Colombo, ma al contrario, dopo circa un’ora e mezza di verdeggianti e tornanti colline, abbiamo visto e urlato “ACQUA!!”.. davanti a noi infatti si scorgeva il lago Trasimeno (http://www.lagotrasimeno.net/), il lago più grande dell’Italia centrale, appartenente alla regione Umbria, caratterizzato da tre isolotti visitabili, Polvese, Maggiore e Minore.

11204432_10205986810605055_7163993867618042602_n

Un pò come i protagonisti del film “Sotto il sole della Toscana” con Raul Bova e Diane Lane, alla ricerca di relax, siamo giunti in tardo pomeriggio a Cortona (http://www.comunedicortona.it/), accolti da viali alberati. La cittadina è molto carina, si sviluppa principalmente su di una “montagnola”, se mi è permesso dire così, ed è contornata da campi rigogliosissimi, vitigni, ulivi e scavi etruschi scoperti solo nel 2005, ed è inoltre famosa per essere stata ambientazione per una parte del film “La vita è bella” di Benigni, e per essere la città natale di Jovanotti..

Intorno a Cortona sono numerosi gli agriturismi, come quello in cui siamo stati noi, Il Gelso (http://www.ilgelso.com/home/index.php).. quasi tutti casali con immenso giardino e piscina..alcuni con biciclette a disposizione, dotati di piccoli appartarmenti in stile antico.. ti senti quasi una damigella del rinascimento.

La sera ce la siamo goduta cantando a squarciagola le canzoni di Jovanotti, la timidezza è stata vinta da un buon Morellino di Scansano, per finire sfiniti a guardare “Il Ciclone” di Pieraccioni.. più a tema di così..

Non distante da Cortona c’è la ben nota Montepulciano, dove trovare una cantina ogni tre passi (impossibile quindi non cedere alla tentazione di farsi almeno un bicchiere di vino), e un’immensa terrazza panoramica sulle campagne tos’ane!

IMG_2428

Forse non tutti sanno che l’ultimo episodio della saga di Twilight è stato girato proprio nella piazza di Montepulciano, e non a Volterra come lasciano intendere nel film.

La via del ritorno l’abbiamo presa larga passando per Arezzo, città in perfetto stile toscano/rinascimentale, ordinata e pulita; abbiamo passeggiato per il centro ammirando le bancarelle di antiquariato presenti tutti i primi sabati e domeniche del mese..

Ma tra tutte le località visitate, un premio per la più particolare va alla cittadina di Anghiari.. piccola, arroccata e concentrata, facile perdersi in un labirinto di viuzze, sali e scendi, enoteche e botteghe di ogni tipo per ritrovarsi poi tutti in piazza,  tra l’altro set del film di Leonardo Pieraccioni “Una moglie bellissima”..
..e li in questo ambiente immacolato, dove il tempo si è fermato almeno ad un secolo fa, abbiamo avuto un assaggio del futuro.. un aperitivo di quello che probabilmente saranno le mie generazioni tra circa 40/50 anni..

IMG_2493

Il Sig. Giorgio ha 80 anni circa, ed usa Facebook.. non abbiamo potuto fare a meno di inviargli una richiesta di amicizia, visto che i nostri nonni forse neanche sanno cosa sia Facebook.. (la mia ha forse iniziato a capire, ma continua a chiamarlo “peisbuk”) .. quindi gli abbiamo chiesto, curiosi come non mai, cosa lo avesse spinto ad aprirsi un profilo.. “per rimanere al passo coi tempi” ha risposto con disinvoltura .. siamo rimasti tutti sbalorditi e positivamente colpiti dalla grinta che una persona ha, a prescindere dall’età.. che sia di esempio a tanti giovani che, ahimè, sono vecchi dentro!

18187_10205996553608624_8791145777250351076_n

vivi .. ridi .. ama